Pagina:Serao - Gli amanti.djvu/24

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
14 L'imperfetto amante


non speravo veramente nulla e non ero, forse, che semplicemente innamorata, e vergognandomi di tale caduta, trovavo fisime e creavo illusioni. Voi capirete meglio.

Vi dirò tutto. Il primo giorno della nostra felicità, noi fummo infelicissimi. L’esaltamento della sua passione fu così grande, che mi stupì: ed io gli dovetti parere freddissima. Nino Stresa cadde in una tristezza immensa, da cui nulla lo potè trarre. Io gli giurai che lo amavo, che lo adoravo: piansi innanzi a lui. Egli si vinse un poco e fu molto tenero, di una tenerezza mesta che mi andò all’anima. Gli vidi delle lacrime negli occhi.

— Che hai, che hai? Tu soffri, è vero?

— Sì, — egli mi disse, piano.

— Ma perchè? Non ti amo, io?

— Sì, mi ami, diletta.

— Non mi ami, tu?

— Sì, moltissimo.

— Ebbene? Perchè soffri?

— Così: non lo so.

Ma il dissidio che era fra noi, anteriore all’amore, sorgente dalla nostra medesima