Pagina:Serao - Gli amanti.djvu/64

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
54 Il perfetto amante

lava dalla sua voce, parlava da ogni sua parola, anche la più gelida, come un mite color vivo, come una suggestione giovanile, come quel soffio che fra l’aprile e il maggio dà tante rose ai giardini e alle colline. Compresi, poi, più tardi, che egli era un uomo fatto assolutamente per l’amore e solamente dell’amore occupato e preoccupato, essendo egli materiato e spiritualizzato d’amore; tutto questo non era che la manifestazione del suo temperamento e del suo carattere. Negli occhi, nella voce, nelle parole degli altri uomini può scintillare, vibrare, parlare ogni passione umana, nobile e ignobile: in lui null’altro che l’amore. La sua seduzione, quindi, lenta e fine, aveva anche qualche cosa d’inconscio: e la conquista del mio cuore come della mia persona, non subito, più tardi, fu fatta da lui senza violente richieste, senza drammatiche tristezze, senza fughe improvvise, senz’abbandoni che paiono inconsulti e sono meditati — mezzi, questi, che appartengono al comune degli uomini, a coloro che debbono conquistare le donne con gravi