Pagina:Serao - Gli amanti.djvu/82

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
72 Il perfettissimo amante


— Infatti, nessuno lo ha mai saputo. Uno dei meriti speciali e grandissimi di questo mio amante, era il segreto.

— Il segreto? Tu hai potuto ottenere il segreto? — chiese Maddalena Herz, di già accendendosi all’istoria.

— Sì. L’amore nostro è stato solamente conosciuto da me e da lui. Siccome egli, mi amava solo per amarmi, assolutamente ed esclusivamente per amarmi, così volle e mantenne il segreto.

— E non lo violò giammai?

— Giammai.

— Forse vi siete amati per poco tempo?

— Per tre anni, insieme: però egli mi amava da molto più tempo.

— Forse vi vedevate raramente, così il segreto ha potuto esser conservato.

— Non tanto raramente, cara. Spesso, anzi: quanto più spesso potevamo.

— Allora.... avete realizzato un miracolo. Io ho sempre creduto che il segreto non esistesse, in amore, — mormorò Maddalena Herz, che pareva sprofondata nelle riflessioni.

— Anche io, prima, così credevo.