Pagina:Serao - Gli amanti.djvu/81

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Luigi Caracciolo 71


trice, con un lieve sorriso sulle labbra vivide e sinuose, ma come suggellate in un volontario silenzio.

— Andiamo, tu ami la contraddizione, questa sera. Tu sei virtuosa, te lo giuro: e io sono una donnina esecrabile.

— Non giurare, non giurare.... — e Beatrice sorrideva ancora, in una posa così tranquilla, con le mani bianche abbandonate sulla copertina di seta antica del libro che aveva finito di leggere.

— Non mi farai mai credere che tu conosca gli uomini, per averne ben conosciuto uno: non crederò mai che tu abbia avuto un amante, — esclamò Maddalena Herz con un gesto risoluto e definitivo.

— Veramente, io ho avuto un amante, — dichiarò Beatrice Albano, con molta tranquillità.

— Bugia!

— Sull’anima mia, io ho avuto un amante.

— Io non ti credo.

— Fa come vuoi, ma la verità è una sola.

— Un amante, tu, la impeccabile? No, no. Nessuno lo ha mai saputo.