Pagina:Serao - Gli amanti.djvu/92

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
82 Il perfettissimo amante


zioso, di devozione infinita, questo amore ardente e fedele, è finito, è finito, ha subito la sorte comune, è finito.

— È finito, — e Beatrice Albano si covrì gli occhi con la mano, a nascondere il suo pallore, la sua emozione.

Maddalena Herz la sogguardò. Ella era buona, nel fondo del cuore: e amava la sua amica così austera e pure così tenera. Non osò, subito, interrompere quella commozione. Le prese una mano e la carezzò:

— Dimmi come è finito, cara.

Beatrice Albano la guardò, silenziosamente.

— In un modo molto doloroso, è vero? Questi grandi amori, questi amori unici.... tu avrai tanto sofferto?

— Orribilmente.

— Tu non te ne sei consolata?

— Non me ne consolerò mai, — disse Beatrice, desolatamente.

— Perchè non piangi un poco? Ciò ti farebbe molto bene.

— Io ho pianto, in segreto, nell’ombra, tante volte; ma le lagrime non mi hanno guarita.