Pagina:Serra - Scritti, Le Monnier, 1938, I.djvu/192

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

alfredo panzini 145

stella mattutina. È la diana delle vecchie, che precede la diana del tamburo. Alba: spesso le porte del tempio si spalancano: sotto l’ombrello giallo oro esce un prete in cotta e stola: nu diacono avanti scuote un campanello: dietro una schiera di vecchie in gramaglie. Il loro passo ha un ben lugubre ritmo dietro quel campanello, fi il pane ai morenti.... Ore sette: i garzoni dei l’ornai portano nelle gerle e nelle ceste il pane caldo ai vivi. Ore otto: i bambini vanno a scuola: rosei volti, nutriti di buon sonno e di caffè e latte: Pirro e gli elefanti; coniugazione perifrastica; teorema di Pitagora, ecc., secondo le età e la scuola. Vicenda delle ore!».

Qui la nudità dello stile è volontaria e nervosa; lo scrittore conosce troppo bene l’effetto di quelle ligure brusche di chiaroscuro e di musica, e vi insiste; si sente la voce appoggiare crescendo sullo sdrucciolo di illuminano, e poi con progresso ritmico su quei suoni che schiariscono a mano a mano; puro, marini, mattutina. Quella è riga scritta collo stesso sentimento di un verso; ma di un verso velato con un certo pudore ingenuo.

Poiché la nobiltà dell’animo del Panzini non può mutare se anche muti il modo della sua operazione: e quella che in lui non viene mai meno c la grazia di una poesia nascosta nel cuore, che non ha tanta forza da svolgersi dias in luminis oras, ma canta attraverso il suo dire una fontana segreta.

Poetico in lui è il movimento armonioso dell’animo, il sentire fresco, l’accento profondo e vibrante che colma di musica le sillabe dei vocaboli comunali: ma questa resta in lui una forma intima, una intenzione non espressa. Diciamo meglio: la intenzione sua si rivela perfettamente