Pagina:Serra - Scritti, Le Monnier, 1938, I.djvu/201

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
154 scritti di renato serra


E io non son più contento neanche di quelle che sembrarono a molti perle, frammenti dl poesia vera. È uno solo veramente, il frammento di Biancofiore e di Schicchi. Qualche cosa c’è veramente bello, e ne parlerò ancora; ma tutta la debolezza e sto per dire l’impotenza poetica di Severino è sensibile per me in quell’accumulo di tocchi incerti («ove serpendo — roseo va il sangue con mite vigor»), in quella vanità fantastica, che si sforza a dipingere con una quasi sensuale voluttà, e riesce al luogo comune della poesia popolare («van due fragranti rose alte crescendo; — sotto la manca ti fiorisce il cuor». Come sono spezzati e staccati questi due versi, che vorrebbero essere un sospiro solo!). Più vivo il bozzetto di Schicchi; ma anche questo è combinato di due pezzi diversi, senza unione, i sogni di Bologna e


    la piccoletta muor di crepacuore
    ma quegli ingrossa, torpido cammina,
    muda, rimpenna, e quando il cavi fuore
    il rosignol lo trovi una gallina.

    Non c’è nulla così povero come questa ricchezza apparente. Le parole sono stillate a una a una, faticosamente, rigide; e non si muovono, non hanno lume. Anche quelle che vorrebbero essere birichinate, fra l’heiniano e il carducciano (ne cito una che nel principio è sentita, conclusione ironica del poema e di tutte le fantasie dei Goliardi:

    Oh via, mettiam su pancia e pigliam moglie.
    Umilïati i nervi e il malumore,
    cacciate in bando le mondane voglie
    moriremo nel bacio del Signore)

    restano fredde, oziose; si sente il posticcio, qual è fatto tanto per fare.