Pagina:Serra - Scritti, Le Monnier, 1938, I.djvu/241

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
194 scritti di renato serra»

«Una ilarità unanime propagavasi nelle cose. Per molti anni La Bravetta diede al popolo pescarese questo giocondo segnale cotidiano; e la fama delle sue meravigliose starnutazioni si sparse per il contado intorno e per le terre finitime. Ancora tra il buon volgo la memoria ne è viva e, fermata in un proverbio, durerà lungamente nei tempi a venire».

Questi periodetti staccati dal loro luogo prendono improvvisa luce. Essi sono deliziosi e inutili: composti senza nessuna fatica, per un naturale abito di dir bene, non hanno poi nessun valore che duri.

Ed è perfettamente inutile domandare se quell’accento magnifico prestato a cose umili, abbia un senso urbanamente comico, o se sia invece un tradimento retorico. Ogni sospetto è fuor di luogo in questo terreno perfettamente levigato e scoperto. Tutte le formule grandi, l’ilarità unanime, il giocondo segnale, le terre finitime e i tempi a venire, in cui pare che la vanità dell’abitudine e dell’esercitazione scolastica si riveli più fredda, non danno già noia, se si seconda un poco il ritmo spazioso che le ha menate.

Bisogna leggere così, senza amore e senza odio, apprezzando la perfetta bontà della materia, quasi senza badare alla forma.

Quando si incontrano delizie ce le godremo. E degli strascichi e delle fiacchezze non faremo nessun rumore. Il buono è naturale come il cattivo: e dell’uno e dell’altro lo scrittore è quasi innocente.

Tutto il ritratto di Peppe, che segue, è una meraviglia di pittura pacifica. E un pezzo riuscito bene. Ma non ha relazione con il discorso successivo altro che estrinseca. Scrivendo così, o trascri-