Pagina:Serra - Scritti, Le Monnier, 1938, I.djvu/386

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


LIO LETTERE 339 fra il comune e il delicato e il melodioso, che non somiglia ad altri e che piace. 15 questa piacevo¬ lezza che manca, per ora, a Baldini; i cui boz¬ zetti hanno pure finezza di analisi e gioco sottile di sensazioni, non molto saporite, ma pulite e senza enfasi; se non che son cosa fredda, che non muove da una vera necessità interna di confessare o di raccontare. Lontano, e da un’altra parte, si trova Jaliier; che è rimasto quasi nascosto al grosso del pub¬ blico in certi tentativi radi e alquanto oscuri, frammentari, che non hanno bastato a metterlo in vista e neanche a dargli coscienza netta dei suoi mezzi e del suo ingegno. Scriveva sulla Voce, degli stelloncini un poco all’uso del primo Sof¬ fici, per il taùtume delle minuzie e della toscanità più linguaiola che espressiva: questo non gli di¬ minuiva la serietà e un tale fremito d’ansia nel render impressioni di cose vedute e frugate. Poi fece, a intervalli, bozzetti di intimità casalinga, e paesaggi valdesi; cose belle. Contorte, nervose, affaticate ila. sospiri profondi ili intimità e pas¬ sione e tristezza umana, che si confondevano con un bisogno intenso di realizzare le sensazioni nella loro gioia piena- e i moti dell’anima nella loro musica insofferente : spezzate dalla molteplicità delle intenzioni non tutte artistiche, rotte dalla cura dei particolari ; ma belle a ogni modo, anche della felicità che non aggiungevano, con quegli effetti grigi così vivi e mordenti come le ombre di un mattino d'inverno sullo squallore delle pa¬ reti domestiche, con quel non so che di melodico e sensitivo e odoroso che si sprigionava dalle im¬ puntature dello stile, come sotto le scarpe che pe¬ stano il sentiero e l’erba della montagna vera. Pare che si sia fermato lì. Ha scritto ancora : ina