Pagina:Serra - Scritti, Le Monnier, 1938, I.djvu/406

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


LE LETTERE 359 i-ica ; si può dir come si vuole), a cui corrispon¬ dono due tipi di libro; il volume che raccoglie una serie di articoli già stampati in periodici; e il volume che sviluppa, più o meno severamente, una tesi, tratta un argomento in forma di mono¬ grafìa ; il primo rappresenta la critica quotidiana di mestiere ; il secondo ci dà le tesi di laurea, i titoli da concorso, le lezioni universitarie, il la¬ voro metodico di scuola e d'archivio. Un terzo tipo di volume libero, che ha per scopo sè stesso, l’essai dedicato a una questione o a una figura, il vero e proprio libro di critica insomma, manca in Italia ; e ó tentativi che ne abbiamo sono rimasti per lo più un titolo di col¬ lezione 1 e un programma degli editori, i libri non son venuti Inori. Questo non importerebbe molto tuttavia ; per¬ ché si sa che le più belle originali consistenti opere di critica son nate proprio dalla raccolta di articoli e dalla pubblicazione di corsi scola¬ stici; a partire dai Lundis e dai Sa-r/gi critici fino alla Storia del Giorno ; ma bisognava notare la particolarità, per la cronaca. i No abbiamo parecchie: 1 Profili, i Contemporanei, gli uomini d’Italia, i moderni, Rii antichi e che so io. Ma o si sono arrestate, o han dato la solita roba; con¬ feremo da una parte, e dall’altra tesi e avanzi di corsi scolastici, che non riescono a fare il libro. L’unica serie che va avanti bene è quella dei Profili; appunto perchè il suo modulo, anche materialmente, modesto e facile da riempire, si impone alla personalità degli autori con una certa economia necessaria di notizie e di disegno, die non lascia posto a digressioni o erudizioni o analisi, come dicono, originali. Potrebbe parere un difetto; ed è, tra noi, una fortuna. Senza dire che anche in quei limiti si possono ottenere cosette buone; per un esempio, l'Exiodo del Setti o il Bodoni del Barbera.