Pagina:Sextarius Pergami saggio di ricerche metrologiche.djvu/29

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

29

i fondi da lui acquistati la stesso anno in Calusco, troviamo la condizione che nell'anniversario della sua morte il Preposto «debeat dare ad manducandum centum pauperibus et pro quo convivia debeat erogari Somas quatuor de omni blava,» e fra i varii legati che «Leprosi ipsius Civitatis habeant omni anno Somas tres de blava et Croxati ejusdem Civitatis habeant totidem et hospitale S. Alexandri habeat tantum Somas duas et sacerdotes ipsius Civitatis habeant Somas quatuor (74);» nel testamento del 1183 di Bonifacio proposito di S. Alessandro, nel quale vi sono varii legati, troviamo: «item supradictus Prepositus eodem modo donavit Vasco (che era suo erede) nomine ecclesie S. Vincentii in sorte de Jusanica Somam unam frumenti et monasterio de Valle Alta in ipsa sorte Somam unam sicalis et monasterio de Astino in ipsa sorte Somam unam sicalis et monasterio de Valle Marina in ea sorte Somam unam milii . hospitalibus S. Alexandri quos d. Landulfus de la Crotta et Grassus de Scano edīficaverunt in ipsa sorte duas somas milii item eodem modo donavit domui Misellorum Somam unam frumenti — Cruxatis in ipsa terra Somam unam milii (75);» in altra carta del 1183: «d. Adelardus archidiaconus nomine ipsius ecclesie — investivit villanum ad fictum raddendum iam dicte Ecclesie Somam unam frumenti (76).» Quindi anche in documenti ufficiali, quale lo Statuto più vecchio dal 1204-48, il canone d'affitto dei possessi comunali è determinato in Some e non ad altra misura. Perciò dalle possessioni confiscate ai traditori del castello di Palosco il Comune dovea ritrarre «centum triginta quatuor Somas bla-