Pagina:Slataper - Il mio carso, 1912.djvu/60

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 61 —

de ’vizinarse. Mi lo go vardà. E ghe go dito a pian: — Vien qua che contemo insieme i fili de erba che go zapà, che te li pago. — Ma ghe lo go dito con un’aria che — e lu fila via come el levro. Concludeva: — Xe natural: el s’ciopo no sta mai mal. Ma provè andar in Italia, in Friul, per le campagne, e po’ me savarè dir. Qua i xe tropo boni, co’ sti farabuti de cità.

Odiava la gente vuota e ingiusta, benché nei suoi giudizi egli fosse tutto fuoco. Non sopportava le chiacchiere di Venezian e compagni: — ....la patria romana, ....i venti secoli di civiltà.... — ma la panza per i fighi! Fioi de cani! Ve volevo là quando che subiava. I se la saria fata in braghe. — Di Garibaldi non l’ho sentito parlar mai, neanche una volta.

Io ho piacere d’aver avuto questo zio. Gli voglio sempre più bene, e qualche volta mi rammarico di esser stato così bimbo, allora, quando viveva, e non averlo conosciuto veramente. Ora qualche sera poggio la testa sulle ginocchia di mamma e mi faccio raccontare di lui.

Mi disse una volta che dieci muloni m’avevano aggredito e tutti i parenti si condolevano del gnocco susinoso lasciatomi in una guancia; mi disse girando gli occhi quasi sbadatamente: — Spero che no ti sarà resta debitor de assai.

No credo, zio.