Pagina:Sonetti romaneschi I.djvu/361

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



ER GIOCO DER MARRONCINO


 
     E CCE GGIUCHENO: ROSCIO, NINO, VA’ -A-MMETE, ER PAINO E ER GIACCHETTO

Roscio

Aó, ttrattanto che ss’appara 1 er prete
Volemo dà ddu’ botte a mmarruncino?

Giacchetto

A ppagà.

Nino

A ggode. 2

Giacchetto

Come se’ attacchino! 3

Nino

Tirate er fiato a voi. 4

Giacchetto

Che ddichi? Hai sete? 5


Roscio

Eh zitti, buggiaravve a quanti sete!
Su, aló, fammo la conta: pe dda Nino. 6 -
… Venti. Una, dua, tre… tocca ar paíno.
Po’ Nino, po’ viengh’io, po’ tu e Vva’ -a-mmete


Paino

Er boccio a mé7 – De cqui. 8 – Senza giuchetti.

Nino

Senza strucchietti,

Roscio

E ttiro pe llevà

Giacchetto

No ppe strucchià 9
Va’ -a-mmete
Dí, aó, dove te metti?


Giacchetto

San guercino. 10
Va’ -a-mmete
Va’ ar zegno.

Giacchetto

E nnun sta cqua?
Va’ -a-mmete
Accidentacci a tutti li ggiacchetti!
Quanto se’ fesso! 11 er zegno eccolo llà.


Giacchetto

Ma cciài 12 da capità
Un giorno o ll’antro ggiú ppe borgo-novo…
Va’ -a-mmete
Mo sta a mmene. – Accusí mme l’aritrovo. 13


Nino

Fermete. 14
Va’ -a-mmete

  1. Si para.
  2. A godere.
  3. Sei cavilloso.
  4. Sorbite a voi l’insulto.
  5. Equivoco di sete (volontà di bere) e siete.
  6. Chi ha il punto al conto, getta il ciottolo, detto bòccio o marrone, e poi vi manda appresso il suo baiocco. – Pe dda Nino, cioè: “S’incomincia a contare da Nino„.
  7. Chi ha il punto al conto, getta il ciottolo, detto bòccio o marrone, e poi vi manda appresso il suo baiocco. – Pe dda Nino, cioè: “S’incomincia a contare da Nino„.
  8. Destina il posto onde ciascuno scaglierà la sua moneta vicino al ciottolo.
  9. Quattro specie di proteste concomitanti certe esecuzioni, le quali senza quelle formule sarebbero nulle.
  10. Sei cieco?
  11. Spiacevole.
  12. Ci hai.
  13. Altra formula come alla nota 6.
  14. Fermati.