Pagina:Sonetti romaneschi II.djvu/72

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
62 Sonetti del 1832

L'IMMASCIATORI DE ROMA.

 
     Disce quer Meo che llavava li legni
De la Reggina morta de le Trujje,1
Che li Re-de-corona de li regni
Ortr’ar fà tra dde loro tante bbujje,2
              
     Ce manneno cquà a nnoi sti bell’ordegni,
Pe ppagà l’indurgenze co le pujje,3
E ppe ccacciasse auffa4 li disegni
De le cchiese de Roma e de le gujje.
              
     Mó p’er Re d’Appollonia e dde le Russe
C’è Ccacarini tuo de quella sera:5
Pe li du’ frosci6 Merluzzoffe e Bbusse.7
              
     E ppe ffà co sti tré naso-e-pprimiera8
S’è vvienuto a inquartà sto Nuncefusse9
St’areng’arrosto10 de monzú Tullera.11

25 gennaio 1832.


  1. Maria Luisa di Borbone, già Regina d’Etruria. [Mèo: Bartolommeo.]
  2. Liti.
  3. Gettoni da giuoco.
  4. [Rilevare a ufo.]
  5. Gagarin, ministro per Russia e Polonia. [De quella sera: allude al fatto raccontato nel sonetto: L’astrazzione ecc., 16 genn. 32.
  6. Tedeschi, cioè Austria e Prussia. [Le fròsce (da non confondersi con fròssce, flosce) sono “froge;„ e friscióne si chiama il “fruscone,„ perchè ha il becco molto grosso. Froscio dunque, propriamente, significa: “uomo con le froge grosse;„ ma si applica solo a’ settentrionali, e particolarmente ai Tedeschi e agli Austriaci. Qualche volta però s’usa anche nel senso di “rosso, zotico,„ e simili.]
  7. Lutzow e Bunsen (Busse, cioè “colpi„).
  8. Noto giuoco d’invito.
  9. [Non-ci-fosse.] Nome di scherzo, a persona che forse non si vorrebbe.
  10. Pesce sfumato. [Aringa. Ma qui, metaforicamente, per “uomo magro e bruno.„]
  11. Saint-Aulaire. Tullera, nome romanesco di spregio. [E la cagione dello