Pagina:Sonetti romaneschi III.djvu/27

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



ER LETTO


 
     Oh bbenedetto chi ha inventato er letto! 1
Ar Monno nun ze dà ppiú bbella cosa.
Eppoi, ditelo voi che sséte sposa.
Sia mille e mmille vorte bbenedetto!
              
     Llí ttra un re de corona e un poveretto
Nun c’è ppiú regola. Er letto è una rosa
Che cchi nun ce s’addorme s’ariposa,
E ssente tutto arislargasse2 er petto.
              
     Sia d’istate o d’inverno, nun te puzza:
Pôi stacce3 un giorno e nnun zentitte4 sazzio,
Ché ar monno sc’è ppiú ttempo che ccucuzza.
              
     Io so cc’appena sciò5 steso le gamme, 6
Dico sempre: Signore t’aringrazzio;
E ppoi nun trovo mai l’ora d’arzamme.7

no match

Roma, 18 febbraio 1833


  1. Questo verso, purificato qui al modo romanesco, è di Giulio Perticari, nella Cantilena di Menicone Frufolo. Il Cervantes disse in lingua sua le stesse parole in lode del sonno.
  2. Riallargarsi.
  3. Starci.
  4. Sentirti.
  5. Ci ho.
  6. Gambe.
  7. Alzarmi.