Pagina:Specchio di vera penitenza.djvu/185

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

distinzione quinta — cap. vi. 157

ne rimarrebbe a fare niente né in questa vita né nel purgatorio. Bene è qui da considerare discretamente, che ripensare e riconfessare spesso certi peccati a’ quali la persona fosse stata o fosse molto inchinevole, come sono i peccati disonesti o carnali, non fosse danno o pericolo alla persona che spesso gli dicesse,1 o al confessoro che spesso gli udisse; imperò che quelle cotali cose immaginate, ripensate, ragionate e udite, hanno a commuovere la concupiscenzia, e a ’nchiare le sensualitade e la mente al diletto e al piacere: onde, chi di ciò dubitasse, non si metta a rischio o a pericolo. Quello che sarebbe utile molto e sicuro, e che ogni persona che potesse, doverrebbe osservare e fare, sì sarebbe d’avere un padre spirituale intendente, discreto, esperto confessoro, al quale si confessasse una volta generalmente di tutti i suoi peccati, manifestandogli tutta la vita sua e aprendogli la coscienza sua; e a questo cotale ricorresse per ammaestramento e per consiglio ne’ casi del bisogno, risparmiandolo, con debita reverenzia, quando necessità non fosse. A costui si potrebbe una volta l’anno, o quando si dovesse comunicare, o quando fosse infermo, confessarsi generalmente. La qualcosa potrebbe agevolmente fare, non specificando particularmente ogni peccato, come fece la prima volta, ma dicendo: – Io mi confesso a Dio, e a voi padre, che, come già confessandomi altra volta vi dissi, io fu’ grande peccatore e in molti vizii occupato; ch’io fu’ superbo e altiero, pomposo, vanaglorioso, sì come allora vi dissi; fui iracundo e sdegnoso, impaziente e furioso in molti modi e guise, siccome specificatamente allora vi manifestai, e ora simigliantemente vel confesso e dico. – E così puote dire degli altri vizii e peccati. E anche se volesse iscendere alle cose più particulari, per averne più vergogna, o per esser più chiaro d’esser ben confesso,2 puòllo

  1. Ediz. 25: ridicesse.
  2. Nelle stampe: confessato. E il Manoscritto nostro, per omissione evidente, ha queste sole parole: o per esser ben confesso.
passavanti 14