Pagina:Specchio di vera penitenza.djvu/232

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
204 trattato della superbia.

a delicto maximo; però ch'è 'l primo e 'l principale, e dal quale gli altri si dirivano. Onde santo Agostino, scrivendo a uno conte una pistola, dice: Della superbia nascono le resie, le cisme,1 le detrazioni, le ’nvidie, l’ire, le risse, le contenzioni, l’animositadi,2 l’ambizioni, le presunzioni, le brighe, li spergiuri; e molti altri vizi nomina, i quali non si pongono qui per dire più breve, e più innanzi si dirà di ciascuno nel luogo suo. E san Gregorio, nel libro de’ Morali, sponendo quella parola di santo Iob: Exhortationem ducum, et ululatum exercitus, dice: la superbia è regina de’ vizi, etc.;3 e aggiungne: Radice d’ogni male è la superbia; della quale la Scrittura dice: Principio d’ogni peccato è la superbia. E le prime sue figliuole sono i sette vizi principali, i quali della velenosa radice della superbia nascono: cioè la vanagloria, la ’nvidia, l’avarizia, la gola, l’ira, l’accidia4 e la lussuria. E un poco più oltre dice, che ciascuno de’ sette vizi principali arma contro a noi el suo essercito di vizi che nascono di loro; e nóminagli a uno a uno: e poi dimostra, come gli sette vizi principali nascono l’uno dall’altro. E come ciò sia, e come di ciascuno ne nascono molti altri, non si dice qui, ma diràssi nel luogo suo. Amen.


CAPITOLO QUINTO.


Dove si dimostra la gravezza della superbia, e la molta sua offensione; e come Iddio l'ha in odio.


La quinta cosa che si dee dire della superbia, si è della sua gravezza, e della molta sua offensione. Mostrasi la gravezza della superbia per tanto, che, come dice santo Agostino, sponendo quella parola dell’Ecclesiastico: Initium superbioe apostatare a Deo; quoniam ab eo qui fecit illum, recessit

  1. Ediz.95 e 85; le scisme.
  2. Così le stampe; ma il Testo a penna: le nimistadi.
  3. Invece dell' etc. nel Manoscritto: e quella (sic) che seguita.
  4. Non bene gli Accademici: la tristizia.