Pagina:Stampa, Gaspara – Rime, 1913 – BEIC 1929252.djvu/111

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

i - rime d'amore 105


CXCIII

Amore tempra di gioia i martiri.

     Se quel grave martir che ’l cor m’afflige,
non temprasse talor cortese Amore,
già mi sarei di vita uscita fuore.
e varcato averei Cocito e Stige;
     ma, perché quant’ei piú m’ange e trafige,
tanto la gioia poi tempra l’ardore,
tenendo sempre fra due, lassa, il core,
né al sí, né al no l’alma s’affige.
     Cosí d’ambrosia vivo e di veleno,
né di vita o di morte sta sicura
l’anima, ch’or s’aviva ed or vien meno.
     O strana, o nova, o insolita ventura,
o petto di dolor e noia pieno,
o diletto, o martir, che poco dura!


CXCIV

Nuovi lamenti per la prossima partenza di lui.

     — Chi darà lena a la tua stanca vita —
talor dentro nel cor mi dice Amore, —
or che chi ti suol dar lena e vigore
s’apparecchia di far da te partita? —
     Pensando a ciò, sí a lagrimar m’invita
questo vero e giustissimo dolore,
che sarei già di vita uscita fore,
se non che ’l raggio di chi può m’aita.
     E rimango pregando o lui o Morte:
lui, che non parta, o lei, che a me ne vegna,
sí ch’ei vegga presente tanta pièta.
     Ma al mio gridare e al mio pregar sí forte
di risponder né questa né quel degna,
e la sua aita ognun di lor mi vieta.