Pagina:Stampa, Gaspara – Rime, 1913 – BEIC 1929252.djvu/87

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

i - rime d'amore 81


CXLV

Ai luoghi dov’egli è, perché lo restituiscano a lei.

     Liete campagne, dolci colli ameni,
verdi prati, alte selve, erbose rive,
serrata valle, ov’or soggiorna e vive
chi può far i miei di foschi e sereni,
     antri d’ombre amorose e fresche pieni,
ove raggio di sol non è ch’arrive,
vaghi augei, chiari fiumi ed aure estive,
vezzose ninfe, Pan, fauni e sileni,
     o rendetemi tosto il mio signore,
voi che l’avete, o fategli almen cónta
la mia pena e l’acerbo aspro dolore:
     ditegli che la vita mia tramonta,
s’omai fra pochi giorni, anzi poch’ore
il suo raggio a quest’occhi non sormonta,


CXLVI

Lo invoca presso di sé.

     Come posso far pace col desio,
o farvi tregua, poi ch’egli pur vuole,
non essendo qui nosco il suo bel sole,
tranquillo porto e sole al viver mio?
     Egli fa giorno al suo colle natio,
come a chi nulla o poco incresce e duole
o ’l morir nostro o ’l pianto o le parole:
lassa, ch’io nacqui sotto destili rio!
     Là dove converrà che tosto ceda
a morte l’alma, o tosto a noi ritorni
la beltà ch’ai mio mal non par che creda.
     Tal qui, fra questi d’Adria almi soggiorni,
io misera Anassilla, d’Amor preda,
notte e di chiamo i miei due lumi adorni.