Pagina:Storia degli antichi popoli italiani - Vol. I.djvu/274

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
214 CAPO X.

ebbe sotto sua Giurisdizione otto castella soggette1. Della città loro, potentemente fortificata da natura ed arte si veggono ancora notabilissimi vestigi: nè meno ragguardevoli con la buona ventura divennero Tivoli il superbo, Tuscolo, Gabio, Aricia, Lanuvio e Labico, principali città. Ma quella che sopra tutte l’altre s’innalzò di dominio e d’onoranza molto innanzi al crescimento di Roma, fu Alba. Posta alle radici di Monte Cavo in una lunga e stretta via fra il monte e il lago2, dove la rupe tagliata per manual artificio pende a piombo, quasi come un muro, sino alla superficie del profondo lago, il sito d’Alba trovavasi così il più forte del Lazio, ed il più acconcio alle difese: ond’è che in effetto quel comune, fattosi più d’ogni altro potente, pervenne a tanto d’aver titolo e legittima ragione di capo della compagnia latina. In qua! tempo e come avvenisse l’unione politica dei popoli latini in trenta città, di cui Alba era la maggiore, sarebbe opra perduta il ricercarlo: meglio sia non saperlo, anzi che allegare da senno sopra questi fatti la leggenda comune delle presupposte origini troiane. Pure lion senza fondamento isterico contavano i Romani dalla fondazione d’Alba insino a quella di Roma lunghissimo spazio, o sia, per approssimazione del vero, trecento anni3: nel qual torno di tempo par fatto

  1. Liv. vi. 29.
  2. Altri pone il sito d Alba alquanto più indentro sotto di Monte Cuccu.
  3. Liv. i, 29.; Justin:. xliii. i.; . Virgil. i. 272. Questo numero