Pagina:Storia degli antichi popoli italiani - Vol. I.djvu/312

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
252 CAPO XII.

dell’umana credulità, non può dirsi tampoco al tutto spenta nel luogo dove nacque 1.

Queste divolgate opinioni d’arti magiche e d’incantamenti porsero senza dubbio cagione alle leggende, che facevano d’Angizia, diva indigena, una sorella di Circe o la stessa Medea2: in quel modo che ne’ Volsci il mito stesso di Circe era stato accomodato, come pensa Strabone, a spiegare attamente la natura di que’ monti, creduti feraci di radici e d’erbe venefiche 3. Però d’assai più strane furono le novelle narrate da un Gellio, per le quali i Marsi si dicean venuti di Lidia con Marsia loro re, edificatore d’Archippe, dipoi sprofondata nel lago 4. Ovidio, il quale come poeta avea dritto a vagheggiare ogni bella finzione, poteva cantare lecitamente, che la sua Sulmona prendesse l’origine e il nome da Solimo di Dardano troiano, uno dei compagni d’Enea 5. A un modo Silio scriva pure poetando essere i Marsi oriondi della Frigia, e

  1. Dal lago di Celano vengono tuttodì quei ciurmatori, che vanno attorno barando il mondo segnati con la serpe nella spalla; benchè altrettanto destri e sicuri nel maneggiare serpenti. I paesani stessi attribuiscono confidentemente a un S. Domenico di Cullino, quel che i loro antenati speravano in Angizia e Medea.
  2. Coelius (l. Gellius) ap Solin. 8.; Serv. vii. 750.
  3. Strabo v. p.160; Auct. de mirab. p. 1156. In fatti ivi attorno abbonda la Crepis Licera: pianta cicoracea di micidiale velenosità.
  4. Plin. iii. 12; Solin. 8.
  5. Ovid. Fast. vi. 79-81.; Sil. ix. 70-76.