Pagina:Storia degli antichi popoli italiani - Vol. I.djvu/94

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
34 CAPO II.

queste colonie sacrate non potevano di certo dare al nuovo popolo altri istituti, se non quelli, di cui erano essi stessi custodi, regolatori e maestri. Abbiamo da Plinio1 che i Piceni discendevano dai Sabini per voto di una sacra primavera: e per consimil costume dai Sabini provenivano insieme i Sanniti, e da costoro i Lucani2. Tutte nazioni numerosissime e forti costituite con una sola legge, conformi in religione, ed ugualmente governate fin dall’origine per comandamenti e decreti sacerdotali.

Non può quindi dubitarsi che i popoli principali, pertinenti alla gran famiglia degli Italiani, non fossero di buon’ora bastantemente disciplinati, quanto almeno comportava la durezza dell’età; poiché, come prima eglino fan mostra di se nella storia, e in moto di guerra contro gli stranieri, si ritrovano di già ordinati e collegati in numerose compagnie, le quali non avrebbero potuto sussistere senza una certa stabilità di leggi positive, e di vincoli scambievoli, sotto condizioni di giustizia universale e di pubblico vantaggio. Il consenso libero delle tribù congregate dettava le prime norme di quelle civili unioni, sì che ogni uomo vigile e desto alla sua salvezza s’adoperava a ogni bisogno per la conservazione e difesa d’una indipendenza, che stimava il maggior de’ suoi beni. In allora tutti gl’Italiani furono guerrieri. E l’indole loro bellicosa trovava princi-

  1. Hist. Natural. III. 5.
  2. Strab. V. p.158, ed. Casaub. 1587