Pagina:Storia della Lega Lombarda.djvu/100

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
94 della lega lombarda

le poneva in pensiero per la visita di che le avrebbe onorate Federigo. Erano ad un tempo gelose della loro libertà, invidiose di Milano: provvidero. Pavia e Cremona lungamente esercitate negli odi contro la medesima spedirono Legati a Federigo colle mani piene a chinarlo in loro favore, a crescergli il furore contro i Milanesi. Se ne stavano i Lodigiani per timore: ma quel Gugliemo Marchese di Monferrato, un de’ pochi che erasi mantenuto indipendente dalla dominazione comunale delle città francate, e perciò nemico della loro libertà, si accostò ad essi profferendosi ministro appo il Tedesco a racconciare i loro affari senza far rumore cogli ambasciadori. Anche egli aveva paura di Milano. Andò in Germania recando a Federigo una chiave di pretto oro, di che lo presentava la città di Lodi. Trattandosi di queste esteriori mostre di ossequio, i Milanesi non vollero rimanere in dietro. Rimessi gl’iracondi spiriti, tanto terribili a Sicherio, pensarono ai casi proprî, provvedendo; non volendo a capo chino dare in quella tempesta che adunavano in Germania le città nemiche. Cercavano mansuefare l’animo di Federigo co’ regali: spedivangli oratori con una ricchissima coppa d’oro colma a ribocco di moneta. Ma quegli con regia superbia rifiutò il presente, sprezzò gli ossequî, si cacciò dinanzi i Legati, e con tutto l’animo intese al velenoso piatire di que’ di Pavia e di Cremona1. Spedì tosto messaggi per tutti gli stati di Germania e per l’Italia ai Vescovi, Abati e Baroni a tenersi in punto di guerra colle loro soldatesche pel dì di S. Michele, e seguirlo in Lombardia; e fece correre il bando di un gran parlamento da tenersi a Roncaglia2.

Mentre gl’Italiani oratori facevano quella miserabile vista al cospetto di un Re straniero, prorompevano in Italia le milanesi vendette contro Pavia. Raccolte le milizie coma-

  1. Otto Morena p. 971.
  2. Otto Frisig. lib. 2. c. 12. 15. p. 706. — Sir Raul. S. R. I. Tom. 6. p. 1175. — Ligurinus lib. 2. p. 24.