Pagina:Storia della Lega Lombarda.djvu/256

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
250 della lega lombarda

la forza, ed alla forza s’apprese. L’esercito, che aveva radunato in Germania per calarlo in Italia, non mirava punto ai Lombardi, che non ancora si erano mossi; ma bensì al Papa. Voleva ricondurre sul seggio di S. Pietro Pasquale, aver nelle mani Alessandro, per farne Dio sa che1. Con questo intendimento nel Novembre discendeva in Italia con numerosa oste. Venne sul Tirolo, piegando a ponente per la Val Camonica, schivando la Chiusa affortificata dai Veronesi, e le città collegate della Marca Veronese; perchè non voleva logorar le milizie; volevale condurre intere ad urtare Alessandro. Entrò il territorio di Brescia, e lo mise a soqquadro fino alle porte della città. Non trovo, che i Bresciani gli avessero fatta ostilità; perciò di quel guasto non fu altra ragione, che la ferocia del Principe, la bestialità delle milizie. Volle, ed ebbe sessanta ostaggi de’ più nobili e ricchi cittadini, che mandò a Pavia. Poi si accostò a Bergamo: ne devastò il contado. Venne a posare nella fedelissima Lodi, ove tenne un gran parlamento di Tedeschi e Lombardi2. Si riscossero i contristati popoli di Lombardia all’imperiale avvento. Sanguinavano per la cruda tirannide dei Podestà: pensavano, i patiti mali bastassero a racchetare le ire di Cesare; speravano, che giustizia il consigliasse a rilevarli da quella, che bestiale era, a vita di uomini. Specialmente i Milanesi, i quali col mutare di Podestà erano andati sempre in peggio: ed a que’ dì tenevano sul collo certo Conte di Disce, succeduto a quel demonio di Marquardo, il quale era per succhiare a tutti colle sustanze la vita3. A folla accorrevano al lodigiano parlamento quasi dissennati dalla disperazione i Lombardi; chi con le croci in mano, chi senza, gridando misericordia ai loro mali, giustizia contra gl’inumani ministri, chie-

  1. Epist. Joannis Salesberiensis ad Gerardum. ap. Baron. Cod. Vat. lib. I. ep. 69.
  2. Sir. Raul. p. 1190.
  3. Otto Moren. p. 1127. Sir Raul ib.