Pagina:Storia della geografia (Luigi Hugues) - 2.djvu/192

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 186 —


Al di là del Senegal la nave continuò a dirigersi lungo la costa, e pervenne così, prima ad un’isola molto ricca detta Gulpis, popolata da idolatri, quindi ad un’altra isola detta Caabe, che essa lasciò alla destra, e infine ad una montagna molto alta e fertile detta Alboc, dalla quale sorgeva un grandissimo fiume. Da questo luogo la galea dei Mori fece ritorno al Marocco, ed il Frate si diresse al paese dei Gotome nel quale si trovavano montagne di tanta altezza da superare tutte le altre montagne del mondo: alcuni le chiamano col nome di Monti della Luna, altri con quello di Monti dell’Oro. Esse sono in numero di sei, e dai loro fianchi scaturiscono sei grandi fiumi che tutti si riuniscono nel fiume dell’Oro, e formano un gran lago con un’isola nel mezzo detta Palloye e popolata da negri. In questo paese montagnoso si riconoscono facilmente o i monti conosciuti col nome di Kong, o l’altipiano stesso della Senegambia o dell’alto Sudan, di cui quelle montagne segnano il lembo meridionale. Al di là del paese di Gotome il viaggiatore giunse ad un fiume detto Euphrate, il quale viene dal Paradiso terrestre, e, dopo aver percorso molti altri paesi, arrivò alla città di Mélée residenza, o una delle residenze, del Prete Gianni.

L’egregio critico sig. Codine, che già abbiamo citato più sopra identifica l’isola Gulpis con una di quelle che compongono l’arcipelago dei Bissagos, l’isola Caable con una delle isole Loss, e la montagna Alboc colla Sierra Leone. Quanto ai nomi di Gotome e di Euphrate, essi non disparvero completamente dalle contrade cui siamo condotti dalla relazione del Frate mendicante. Il celebre viaggiatore scozzese Mungo Park (ultimi anni del secolo XVIII), ci informa che «un viaggio di un mese al sud di Bedù, attraverso il regno di Gotto, conduce al paese dei Cristiani che dimorano sulle rive del Ba-seeFeena (del mare)…… Miniana e Bedù sono al nord del Kong; vengono quindi successivamente Kong, Gotto e Ba-see-Feena». Così pure nella carta del missionario Borghero, esploratore di una parte dei paesi al nord del golfo di Guinea, è segnata una città di Godome nel regno di Dahomé. A sua volta il