Pagina:Storia della letteratura italiana - Tomo I.djvu/39

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
xxiv

d’Italia. IV. I Retori son cacciati da Roma. V. Motivi di questo sì severo decreto. VI. Lucio Plozio Gallo è il primo Retore Latino in Roma. VII. Altri Retori in Roma. VIII. Loro esercizj.


CAPO VIII.


Biblioteche.


I. Tardi si cominciò a formar Biblioteche in Roma. II. Paolo Emilio e Silla sono i primi a darne l’esempio. III. Biblioteca di Tirannione. IV. Di Lucullo, ed elogio di esso. V. Notizie di Attico, e del suo carattere, e della sua Biblioteca. VI. Biblioteca di Cicerone. VII. Questi fa ancor raccolta di Antichità. VIII. Biblioteca di Quinto Cicerone. IX. Altre Biblioteche. X. Giulio Cesare pensa di aprire una pubblica Biblioteca. XI. Asinio Pollione è il primo ad eseguirne il disegno. XII. Augusto ne apre due altre. XIII. Pubbliche Biblioteche indicate da Ovidio. XIV. Leggi per la lor fabbrica prescritte da Vitruvio. XV. Nomi di alcuni de’ Bibliotecarj di questi tempi. XVI. Erano comunemente Liberti o Schiavi.


CAPO IX.


Greci Eruditi in Roma.


I. Quanto fossero in Roma stimati i Greci eruditi. II. Gran numero di essi, che perciò vi concorre.


CAPO X.


Arti Liberali.


I. Le Statue innalzate furono in Roma a’ Dei e agli uomini. II. Gli Scultori e gli Incisori in Roma erano comunemente Greci. III. E così pure i Pittori, de’ quali però alcuni furon Romani. IV. Architettura da chi coltivata ed esercitata in Roma.