Pagina:Storia della letteratura italiana - Tomo I.djvu/59

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
20 Storia della Letteratura Italiana.

dotta opera di Monsig. Mario Guarnacci delle Origini Italiche, il quale su questo argomento lungamente non meno che eruditamente si è trattenuto12. A me basta di aver detto ciò, ch’era necessario a provare, che queste Arti Liberali, e quindi ancora le scienze, fiorirono tra gli Etruschi. Ma quand’anche non avessimo a provarlo un sì valido argomento, esaminando diligentemente gli antichi Scrittori, noi possiam ricavarne sufficiente lume a conoscere, che uomini amanti delle scienze furono gli Etruschi. Tali certamente li chiama nel luogo più volte allegato lo Storico Diodoro: Literis vero, & in primis naturæ ac rerum divinarum perscrutationi plurimum studii impenderunt. Il qual detto, benchè breve sia e conciso, ogni sorte di scienze veggiam nondimeno che abbraccia, e in ogni scienza egregiamente versati ci rappresenta gli Etruschi. E in fatti noi leggiamo in Livio, che a’ primi tempi di Roma solevano i Romani giovani nelle Etrusche lettere esser ammaestrati, come a’ più recenti tempi nelle Greche: Auctores habeo, Romanos pueros, sicut nunc Græcis, ita tunc Etruscis literis erudiri solitos3. E Dionigi d’Alicarnasso racconta, che Demarato Greco4 fece nelle Greche egualmente che nelle Etrusche lettere i figliuoli suoi istruire5: il che ne dà indizio, che uomini scienziati e colti fosser comunemente creduti gli Etruschi, perchè onorevole ed util cosa si riputasse l’essere nella lingua e nelle scienze loro ammaestrato. Ma conviene entrar più addentro in tal materia, e degli studj loro favellare distintamente.

XIX.

Contesa tra ’l Bruckero e ’l Lampredi intorno alla Filosofia degli Etruschi.

Una letteraria contesa si è in questi ultimi anni eccitata intorno alla Filosofia degli Etruschi. Il Ch. Bruckero nella sua storia critica della filosofia esaminando i sentimenti, che in-

  1. Lib. VIII c. I, e II.
  2. Mentre si stava stampando il primo tomo della mia Storia, venne alla luce il tomo III. delle Origini Italiche dell’eruditissimo Mons. Mario Guarnacci, in cui nuovi argomenti e nuove testimonianze produconsi a dimostrare, quanto eccellenti fossero nelle belle Arti gli Etruschi, e come prima ancora de’ Greci giungessero ad ottenere in esse la perfezione. Io godo di poter rimettere i Lettori bramosi di aver su ciò nuovi lumi a questo dotto scrittore, a cui invano mi sforzerei io di aggiungere altre scoperte.
  3. Dec. I lib.IX.
  4. Demarato era natio di Corinto, e venne a stabilirsi nell’Etruria, ove ebbe due figlj Aronte e Lucumone. Il primo morì in età giovanile, il secondo chiamato poscia Tarquinio, e soprannomato Prisco, giunse ad essere Re di Roma.
  5. Antiq. Rom. lib. III.