Pagina:Storia della letteratura italiana I.djvu/69

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

― 59 ―

III.


LA LIRICA DI DANTE


Fin qui giunge la coscienza di Dante. Se gli domandi più in là, ti risponde come Raffaello: noto, quando amor mi spira: ubbidisco all’ispirazione. E appunto, se vogliamo trovar Dante, dobbiamo cercarlo qui, fuori della sua coscienza, nella spontaneità della sua ispirazione. Innanzi tutto, Dante ha la serietà e la sincerità dell’ispirazione. Chi legge la Vita Nuova, non può mettere in dubbio la sua sincerità. Ci si vede lo studente di Bologna, pieno il capo di astronomia e di cabala, di filosofia e di rettorica, di Ovidio e di Virgilio, di poeti e di rimatori, ma tutto questo non è la sostanza del libro, ci entra come colorito e ne forma il lato grottesco. Sotto l’abito dello studente ci è un cuore puro e nuovo, tutto aperto alle impressioni, facile alle adorazioni e alle disperazioni, ed una fervida immaginazione che lo tiene alto da terra e vagabonda nel regno de’ fantasmi. L’amore per la bella fanciulla, involta di drappo sanguigno, ch’egli chiama Beatrice, ha tutt’i caratteri di un primo amore giovanile, nella sua purezza e verginità, più nell’immaginazione che nel cuore. Beatrice è più simile a sogno, a fantasma, a ideale celeste, che a realtà distinta, e che produca effetti proprii. Uno sguardo, un saluto è tutta la storia di questo amore. Beatrice morì angiolo, prima che fosse donna, e l’amore non ebbe tempo di divenire una passione, come si direbbe oggi, rimase un sogno ed un sospiro. Appunto perchè Beatrice ha così poca realtà e personalità, esiste più nella mente di Dante, che fuori di quella, ed ivi coesiste e si confonde con l’ideale del trovatore, l’ideale del filosofo e del cristiano: mescolanza fatta con perfetta buona fede, e perciò grottesca certo, ma non falsa e non con-