Pagina:Storia della letteratura italiana II.djvu/156

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

― 144 ―


Boccaccio - Tu ti diletti da ben dire.

Lisa - Mi venga la morte, se non ispasima di favellarvi.

Boccaccio - Chi è gentile, il dimostra.

Lisa - Nel vederla manderete a monte le bellezze di ogni altra... State saldo, fermatevi, e mirate il sole, la luna e le stelle, che si levano là su quell’uscio.

Boccaccio - Che brava appariscenzia!

Lisa - Il vostro giudizio ha garbo.

Boccaccio - Pur ch’io sia l’uom, ch’ella cerca. I nomi alle volte si strantendono.

Lisa - Il vostro è sì dolce che si appicca alle labbra. Eccola corrervi incontro a braccia aperte.»

Le cortigiane sono il suo tema favorito. La sua Angelica è il tipo di tutte le altre. E la sua Nanna è la maestra del genere.

Questa è la Commedia che poteva produrre quel secolo, l’ultimo atto del Decamerone, un mondo sfacciato e cinico, i cui protagonisti sono cortigiani e cortigiane, e il cui centro è la Corte di Roma, segno ai flagelli dell’uomo, che nella sua rocca di Venezia erasi assicurata l’impunità.

Secondo una tradizione popolare molto espressiva, Pietro morì di soverchio ridere, come morì Margutte, e come moriva l’Italia.




L’Ariosto, il Machiavelli, l’Aretino sono le tre forme dello spirito italiano a quel tempo: un’immaginazione serena e artistica, che si sente pura immaginazione e beffa sè stessa; un intelletto adulto che dà bando alle illusioni dell’immaginazione e del sentimento, e t’intro-