Pagina:Storia della letteratura italiana II.djvu/383

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

- 371 -

veva la lotta giurisdizionale tra papa e principi, e i filosofi combattevano il passato nelle sue idee e nelle sue istituzioni, essa apre il fuoco contro la vecchia letteratura, battezzandola senz’altro pedanteria. L’obbiettivo de’ filosofi e de’ critici era comune. Combattevano entrambi la forma vacua, gli uni nelle istituzioni, gli altri nell’espressione letteraria, ancorchè senza intesa.

E come i filosofi, così i critici erano avvalorati e riscaldati nella loro lotta dagli esempi francesi e inglesi. Il Baretti veniva da Londra tutto Shakespeare; l’Algarotti, il Bettinelli, il Cesarotti, il Beccaria, il Verri erano in comunione intima con Voltaire e con gli enciclopedisti. Locke, Condillac, Dumarsais avevano allargate le idee, e introdotto il gusto delle grammatiche ragionate e delle rettoriche filosofiche. Si vede la loro influenza nella Filosofia delle lingue del Cesarotti e nello Stile del Beccaria. Cosa dovea parere il Crescimbeni, o il Mazzuchelli, o il Quadrio, cosa lo stesso Tiraboschi, il Muratori della nostra letteratura, dirimpetto a questi uomini che pretendevano ridurre a scienza ciò che fino allora era sembrato non altro che uso e regola? E non si contentarono i critici de’ trattati e de’ ragionamenti, ma vollero accostarsi un po’ più al pubblico, usando forme spigliate e correnti, che preludevano ai nostri giornali. Tali erano le Lettere Virgiliane del Bettinelli, la Difesa del Gozzi, la Frusta letteraria, il Caffè, l’Osservatore. Così la nuova critica dava a un tempo l’esempio di una nuova letteratura, gittando in circolazione molte idee nuove in una forma rapida, nutrita, spiritosa, vicina alla conversazione, in una forma che prendea dalla logica il suo organismo e dal popolo il suo tuono. Certo questi critici non si accordavano fra loro, anzi si combattevano, come facevano anche i filosofi; ma erano tutti animati dalla stessa tendenza, uno era lo spirito. E lo spirito era l’emancipazione dalle re-