Pagina:Storia della letteratura italiana II.djvu/391

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

― 379 ―

psicologica, e la critica psicologica si alzava all’estetica. La vecchia letteratura, combattuta ne’ suoi mezzi tecnici, era ancora contraddetta nella sua sostanza, nel suo contenuto. Ritrarre dal vero era la demolizione dell’eroico, com’era concepito e praticato fra noi: cosa divenivano gli eroi di Metastasio? Il patetico e il sentimentale era la condanna di quegl’ideali oziosi, sereni, noiosi, che costituivano l’idillio: cosa diveniva l’Arcadia? Il teatro, si diceva, non è un passatempo, è una scuola di nobili sentimenti e di forti passioni: cosa divenivano le commedie a soggetto? Tutto era riforma. L’abate Genovesi, Verri, Galiani, davano addosso al vecchio sistema economico; la vecchia legislazione era combattuta da Beccaria; tutti gli ordini sociali erano in quistione; Filangieri andando alla base, proponeva la riforma dell’istruzione e dell’educazione nazionale; principi e ministri, sospinti dalla opinione, iniziavano riforme in tutt’i rami dell’azienda pubblica. La vecchia letteratura non poteva durare così: ci voleva anche per lei la riforma. Già non produceva più, non destava più l’attenzione; tutto era canto e musica, tutto era filosofia. Si concepisce in questo stato degli spiriti il maraviglioso successo de’ romanzi e delle commedie dell’abate Chiari, che per sostentare la vita adulava il pubblico e gli offriva quell’imbandigione che più desiderava. Sarebbe interessante un’analisi delle infinite opere già tutte dimenticate del Chiari, perchè mostrerebbe qual era il genio del tempo. Donne erranti, filosofesse, gigantesse, figli naturali, ratti di monache, scontri notturni, finestre scalate, avvenimenti mostruosi, caratteri impossibili, un eroico patetico, e un patetico sdolcinato, una filosofia messa in rettorica, un impasto di vecchio e di nuovo, di ciò che il nuovo avea di più stravagante, e di ciò che il vecchio avea di più volgare, questo era il cibo imbandito dal Chiari. Il Martelli aveva inventato