Pagina:Storia della rivoluzione di Roma (vol. III).djvu/345

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

della rivoluzione di roma 341

Altro pure pubblicavasi per revocare tutti i permessi di assenza accordati ai membri dell’assemblea.1

Altro infine per conferire il diritto di grazia al potere esecutivo.2

Il 2 aprile pubblicavansi i nomi del nuovo ministero dipendente dal triumvirato. Esso era cobl. composto:

Rusconi Affari esteri
Berti Pichat Interno
Sturbinetti Istruzione pubblica
Manzoni Finanze
Lazzarini Grazia e giustizia
Montecchi Commercio e lavori pubblici.3

Il cittadino Aurelio Saliceti nominavasi il detto giorno presidente del tribunale di cassazione.4

Ordinavasi pure nel medesimo giorno ai municipi ove non era un comando civico, la consegna dei fucili al capo di battaglione o al capitano.5

Il partito repubblicano quantunque imperasse in Roma, non era tranquillo del tutto. Germi di malcontento qua e là si appalesavano.

Sapevasi che il 1° di aprile incominciar dovevano in Gaeta le conferenze il cui scopo era quello di ottenere l’intervento armato. Le pratiche del ministro spagnolo Pidal per rannodar le fila di quella lega, cui s’impose il nome di cattolica e che doveva reintegrare il papa ne’ suoi diritti di sovrano, eran palesi, perchè divulgate dal giornalismo e dalle corrispondenze. Le visite che il Mercier veniva facendo in Roma in qualità di negoziatore, il suo accostarsi ai Mamiani, ai Farini, ai Pantaleoni rappresentanti del partito

  1. Vedi il Monitore, del 2 aprile.
  2. Vedi detto, del 2 detto.
  3. Vedi detto, del 2, pag. 279.
  4. Vedi detto, del 2, pag. 280.
  5. Vedi detto, del 2, pag. 280.