Pagina:Storia della rivoluzione di Roma (vol. III).djvu/647

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

della rivoluzione di roma 643

dir vero nello stato in cui erano le cose, co’ Francesi penetrati in città, con le speranze deluse dei movimenti parigini, e con l’Europa quasi tutta collegata contro i Romani, vi voleva di molto coraggio e fermezza per continuare ad affrontare il cozzo dell’armata francese. E quindi non del tutto impropriamente riportò il Monitore que’ versi di Orazio:

«Si fractus illabatur orbis
» Impavidum ferient ruinæ!»1

Se non che volendo i repubblicani risparmiare alla città i disastri di un bombardamento rigoroso, divisarono un espediente per allontanarne il pericolo. Questo bombardamento per verità aveva già avuto luogo in qualche parte, o come direbbero i Francesi con ménagement. Erano state lanciate in varie riprese e su qualche punto parziale della città alcune bombe o granate, e la sera soltanto del 22 se ne lanciarono un centinaio e mezzo, di piccolo calibro, come a suo luogo e tempo narrammo nel capitolo precedente. Pochissimi però furono i casi in che que’ proiettili riuscisser fatali, e tra questi si registrarono la morte di una Colomba Antonietti parente del Masi, e quella di una familiare nel palazzo Caserta alle Botteghe Oscure.2

I difensori di Roma d’altra parte, ove fossero occorsi casi moltiplici, non avrebber già avuto interesse di occultarli, ma sì bene di propalarli per mantenere ed accrescere nel popolo sensi d’ira e propositi di resistenza. Alcuni poi di questi proiettili che venivan chiamati bombe, erano piuttosto granate, e molte si confusero con le palle di cannone che in buon numero caddero sulla città e che danneggiarono esteriormente le case riguardanti il Gianicolo, fra le quali sopratutto soffersero il palazzo Farnese ed il palazzo Spada.3


  1. Vedi Monitore, pag. 622.
  2. Vedi Monitore, pag. 584. — Pallade n. 557. — Rusconi, vol. I, pagina 156 e 157.
  3. Vedi Monitore, pag. 580, 588, 605, 611, 622, 633.