Pagina:Storia delle arti del disegno II.djvu/295

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

da Alessandro il Grande ec. 289

re d’Epiro, portate furono a Roma tutte le statue1, fra le quali v’erano le nove Muse2, collocate poi nel tempio d’Ercole Musagete (Hercules Musarum); anzi persino le stesse pitture, coi muri a cui erano attaccate, mandaronsi dalla Grecia a Roma: e così usarono gli edili Murena e Varrone colle pitture di Sparta3. Non bastava a trattenerli nemmeno il timore di guastare e perdere quelle pitture: timore che ai tempi di Caligola salvò a Lanuvio nel Lazio4 le pitture di Atalanta e di Elena5. Metello dopo la sconfitta di Perseo6 fece trasportare a Roma un’infinità di statue, fra le quali v’erano tutte le statue e quadri di mano di Lisippo fatte da Alessandro innalzare a coloro che erano periti nella battaglia presso il Granico; e fu di esse ornato il portico edificato per ordine del medesimo Metello7, il quale molte statue equestri fece altresì collocare nel Campidoglio8.


§. 20. E’ quindi facil cosa l’immaginarsi che gli artisti e principalmente gli scultori e gli architetti poche occasioni avessero d’esercitare i loro talenti. Sembra però che si continuasse ad ergere le statue ai vincitori de’ giuochi olimpici in Elide, l’ultimo de’ quali, per quanto almeno ne troviamo fatta menzione, chiamavasi Mnesibolo, e fu coronato nell’olimpiade ccxxxv. nei primi anni dell’impero di M. Aurelio9.

[Monumenti dell'arte erettivi dagli stranieri.]

§. 21. Ciò che in questi tempi lavoravasi in Grecia di tempj, di edifizj, e di statue, per lo più faceasi a spese di

Tom. II. O o re


  1. Polyb. Excerpta legat. num. xxviii. pag. 830. C.
  2. Plin. lib. 35. cap. 10. sect. 36. §. 4.
  3. ibid. lib. 35. cap. 14. sect. 49.
  4. ibid. cap. 3. sect. 6.
  5. Si fa pure a giorni nostri l'operazione di trasportare le pitture fatte sul muro di san Pietro di Roma, dopo che si sono eseguite in musaico. Elle vengono segate insieme al muro, sul quale sono dipinte, e poscia trasportansi senz’alcun danno nella chiesa de’ Certosini. Le pitture etrusche del tempio di Cerere sono in tal guisa state portate via col muro. Plin. lib. 35. cap. 12. sect. 45., Vedi sopra pag. 153.
  6. Datagli da Paolo Emilio. Vedasi qui avanti pag. 160. §. 30.
  7. Vedi qui avanti pag. 239. §. 7.
  8. Vedi pag. 37. not. a.
  9. Paus. lib. 10. cap. 34. pag. 886. [ Vedi qui avanti pag. 267. not. b.