Pagina:Storia delle arti del disegno III.djvu/458

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
440 S p i e g a z i o n e

dal Gori1, il quale malamente la spiega per Diomede, che si medica le ferite.

8. Pag. 105. Moneta in argento d’Alessandro il Grande, di un lavoro bello quanto altra mai. La testa coperta di pelle di leone, è di molto rilievo, ed ha rilevata, e quasi staccata perfino la pupilla a forma di globetto. L’originale, con alcune altre di diverso tipo, ma non molto inferiori di merito, forma a mio giudizio un pregio singolare del museo Borgiano a Velletri, e per la bellezza del conio, e per la novità del rovescio, in cui si vede l’ancora finora incognita nelle monete fatte in onore di Alessandro, dalla sua prima impressione, non formatavi dopo, quale in alcune si vede. Per questa si può congetturare, che appartenga alla città di Ancira, la di cui insegna è l’ancora2; oppure ai Seleucidi, nelle medaglie de’ quali parimente si trova quello simbolo3, per la visione della madre di Seleuco, alla quale parve di vedersi presentare in sogno una gemma da Apollo, con cui prima avesse avuto commercio, segnata coll’ancora, che poi si vide marcata sul fianco del bambino quando nacque4. Dee quindi aggiugnersi al catalogo delle medaglie d’Alessandro, che dopo le pubblicate dal Goltzio5, e dal Pellerin6, ha riferite con delle nuove, delle quali dà la figura in rame, il sig. Eckhel7, e a quelle descritte dal P. Arduino nelle note, ed emendazioni al libro 34. di Plinio8, a due date dal Dutens9, e due altre dal Neumanno10. L’opinione del P. Arduino, del Pellerin, e di tanti altri, preceduti però dall’imperator Costantino Porfirogeneta11, è stata, che nel dritto di quelle medaglie vi fosse effigiata la testa d’Alessandro; ed io scrissi12, che quella, di cui trattiamo, abbia della somiglianza coll’erme di quel conquistatore, di cui riparleremo qui appresso al numero V., supponendone in essa un poco alterata la fisonomia per


me-


  1. Inscript. ant. par.3. Tab. 39., e pag. CXXX seg.
  2. Stefano De urbib. v. Ἄγκυρα, pag. 21. Lugd. Bat. 1688.
  3. Vedi lo Spanhemio De præst. & usu numism. diss. 7. pag. 406. Tom. I.
  4. Giustino lib. 15. in fine.
  5. Græcia, Tab. 32.
  6. Melang. des medaill. Tom. I pag. 111. segg., Medaill. des rois, pl. 2.
  7. Numi veter. anecd. par. 1. pag. 70. segg.
  8. Tom. iI. pag. 673. seg.
  9. Explic. de quelq. med. grecq., ec. pl. 2. n. 7., pl. 4. n. 1.
  10. Numi vet. ined. Tab. 5. n. 4. 5.
  11. Them. lib. 2. them. 2. presso il Bandurio Imp. orient. Tom. 1. pag. 22.
  12. Vedi qui avanti Tom. iI. pag. 253. col. 2.