Pagina:Storia delle arti del disegno III.djvu/476

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
458 S p i e g a z i o n e

Synnade quod mœsta Phrygia fodere secures
Per Cybeles lugentis agros: ubi marmore picto
Candida purpureo distinguitur area gyro.

Sidonio Apollinare1:

Cedat puniceo preciosus livor in antro
Synnados.

Claudiano2:

Purpureis cui cedit Synnada venis.

e Paolo Silenziario3: Purpureo simul, ac argenteo flore suaviter coruscantem. Giuliano l’apostata4 parla di una specie di marmo frigio bianco, al quale paragona le croste del ghiaccio rotto nel fiume di Parigi, la senna, che deve essere diverso dal paonazzetto.

VI. Statua di Demostene in atto di arringare con un volume in mano. Si è tratto il disegno dal gesso posseduto in Roma dal signor Jenkins inglese; essendo andato l’originale di marmo bianco in Inghilterra. Vedasi Tom. il. pag. 255. col. 1. La fisonomia è precisamente la stessa delle teste ora riconosciute per ritratto di quel principe degli oratori greci5, e del bassorilievo, di cui parlammo sopra al numero 12. In tutte quante si vede il labbro di sotto alquanto ritirato in dentro, forse per esprimere il difetto di balbuziente, ricordato da Cicerone6, da Valerio Massimo7, da Plutarco8, Laerzio9, ed altri. Tiene le braccia fuori in atto di gestire, per ciò ch’egli stesso racconta10, vale a dire, che a suo tempo generalmente così era usato di gestire colla mano; quando a’ tempi anteriori Pericle, Temistocle, Aristide, ed altri per modestia arringavano colle mani sotto l’abito: e ne dà per prova anche una statua inalzata a Solone 50. anni prima11 nella città di Salamina, rappresentata colle mani sotto: cosa da notarsi per riconoscere le sue figure se mai se ne scoprono: Veteres oratores Pericles, Themistocles, Aristides adeo


mo-


  1. Carm. 22. vers. 137.
  2. in Eutrop. lib. 2. vers. 271.
  3. loc. cit. par. 2. v. 205. pag. 505.
  4. Misopog. oper. s. Cyrilli Alex. Tom. I. pag. 341. B.
  5. Quella del Campidoglio era data da Bottari nel Tom. I. Tav. 32. per Pittagora.
  6. De divin. lib. 2. cap. 46. n. 96.
  7. lib. 8. cap. 7. n. 1. il extern.
  8. Nella di lui vita, op. Tom. I. p. 850.
  9. lib. 2. segm. 108. Tom. I. pag. 143.
  10. Orat. in Timarch. oper. pag. 264. C.
  11. Orat. de falsà legat. pag. 332. C.