Pagina:Storia di Milano I.djvu/102

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
78 storia di milano

sare alle età che nasceranno la memoria delle sue virtù.

Nella dieta radunatasi in Milano al giugnervi del marchese d’Ivrea Berengario, l’anno 945, per unanime consenso de’ signori d’Italia, fu collocato sul trono abbandonato da Ugone, il re Lotario, di lui figlio; di cui l’ottima indole s’era meritata la comune opinione. A questa scelta probabilmente avrà contribuito Berengario istesso; se non per sentimento, chè l’anima di costui forse non ne era capace, almeno per decenza di comparire grato a un principe che l’aveva salvato dalle insidie del padre. Lotario altronde era già stato solennemente associato al regno, e proclamato re d’Italia da quattordici anni addietro; nè si poteva scacciare quell’innocente sovrano dal trono senza ribellione ed ingiustizia manifesta. Questa è la prima dieta del regno, e la prima proclamazione d’un re d’Italia che siasi fatta in Milano dopo la distruzione di Uraja nel 538, anno per sempre memorando. [Anno 945]Il regno del giovane Lotario fu puramente di nome, poichè in fatti tutto si mosse coi voleri del marchese Berengario; al quale spiacendo anche quell’embrione di re, che gl’impediva di sedersi egli stesso sul trono, col veleno, dopo appena due anni, fe’ terminare il regno dell’infelice Lotario, che, trasportato da Torino, ebbe la sua tomba nella chiesa di Sant’Ambrogio di Milano. Tale fu la ricompensa che il marchese Berengario diede al re Lotario, a cui doveva la luce del giorno. Dopo ventiquattro giorni appena estinto Lotario, l’anno 950, Berengario e Adalberto suo figlio vennero proclamati re d’Italia.

Ma lasciamo qualche spazio fra gli orribili casi di quel secolo crudele; ivi contempli ciascuno a qual grado di depravazione fosse disceso l’uman