Pagina:Storia di Milano I.djvu/208

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


che se ne lasciasse sfuggire l’occasione. In somma Milano era una Repubblica; era già forte e prepotente nella Lombardia; ma l’uso incautissimo che faceva della forza sua, eccitava l’invidia e l’odio delle altre città: odio ed invidia superflue, sin tanto che la dignità imperiale passava da un principe debole a un altro debole; ma rovinose disposizioni al momento in cui fosse eletto imperatore un principe di animo e di forze robusto.

Morì in Germania l’imperatore Enrico IV l’anno 1125; e venne eletto per successore Lottario, duca di Sassonia, il quale fu poi Lottario III re d’Italia, e Lottario II imperatore. Alcuni signori tedeschi avevano protestato contro di questa elezione, la quale si pretendeva fatta per maneggi della Francia; e Corrado, duca di Franconia, del casato di Stauffen-Suabe, fu uno dei più malcontenti. Conviene dire ch’ei praticasse delle secrete intelligenze co’ Milanesi per togliere almeno il titolo di re d’Italia a Lottario. Certo è che Corrado, nel 1128, se ne venne a Milano, per la strada di Como; che fu acclamato re d’Italia, e incoronato prima in Monza, poi a Milano in Sant’Ambrogio. Sceso Lottario in Italia, si confederò colle città di Lombardia, nemiche de’ Milanesi, affine di umiliar Milano. Tentò d’impadronirsi di Crema, città amica de’ Milanesi, ma non ebbe forze bastanti. Lottario non potè essere incoronato re d’Italia, e portossi a Roma, ove fu incoronato imperatore in San Giovanni Laterano dal papa Innocenzo II. Vi erano allora due che pretendevano la sovranità del regno d’Italia: Lottario, come imperatore; Corrado, come re incoronato d’Italia. Nello stesso tempo eranvi in Roma due, ciascuno de’ quali pretendeva d’essere il vero papa; uno possedeva