Pagina:Storia di Milano I.djvu/251

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ma ne’ suddetti luoghi; e questo si è che nessun contratto, nessuna carta scritta in quello spazio di cinque anni porta la data di Milano; ma i nostri archivi conservarono i contratti di quell’epoca, i quali portano In burgo de Veglantino, ovvero In burgo Noceti, che anche chiamavasi Burgo Porte Romane de Noxeda; e le monache de’ monasteri di Milano facevano i loro contratti in questi borghi, nei quali si erano ricoverate; come accadde all’abadessa del monastero di Orona, di cui vi è un livello fatto nel 1163: Ante portam sancti Georgii de Noxeda. Da tutto ciò, senza alcun dubbio, si conosce che non le sole fortificazioni di Milano furono demolite, ma realmente fu rovinata la città, la quale per cinque anni rimase un acervo di rottami disabitati, mentre i cittadini vennero separatamente collocati nei quattro nominati luoghi, che ora sono povere terre suburbane, capaci appena di ricoverare alcuni contadini.

I nemici o si disarmano co’ benefici, o si spengono, come insegnò il Segretario Fiorentino: i partiti mediocri guastano l’impresa. I Goti, considerando gl’Insubri come nemici, affezionati all’Impero, per non trovarsi assaliti dagl’imperiali con averci alle spalle, e per conservarsi la comunicazione co’ Borgognoni, ossia Svizzeri, loro alleati, sotto Vitige, spedirono Uraja, il quale, alla testa d’un’armata, passò a fil di spada i nostri maggiori, e lasciò il paese deserto per cinque secoli, siccome si è veduto. La condotta dell’imperatore Federico è stata men crudele; ma non più eroica nè più saggia. Egli voleva che non vi fosse più Milano;