Pagina:Storia di Milano I.djvu/268

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


eruditi1; e Ottone da Frisinga, tedesco, anzi zio dello stesso imperator Federico, di noi scrisse: Latini sermonis elegantiam, morumque retinent urbanitatem. In civitatum quoque dispositione, ac reipublicae conservatione antiquorum adhuc Romanorum imitantur solertiam2. I fatti successivi abbastanza ci provano che in quei tempi i Milanesi non mancarono nè di valor militare nè di condotta; e che furono tanto urbani e colti, quanto lo permetteva l’indole del secolo.

Dalle condizioni proposte in questo trattato di pace, che l’imperatore aveva offerto con poco buona fede, per aspettare le nuove forze della Germania e acquistare tempo frattanto; da tali condizioni, dico, si ha idea quai fossero le regalie, ossia i tributi che si usavano in que’ tempi. Non sarà discaro, cred’io, il darne un breve cenno. I tributi si sono dovuti accrescere nell’Europa in questi ultimi secoli il doppio, il triplo e più ancora, che non pagavasi al sovrano in que’ secoli de’ quali finora ho trattato. Questo accrescimento di tributo non è meramente apparente, o per la diminuzione delle lire, o per l’avvilimento dei metalli nobili, resi assai più comuni e abbondanti dopo la scoperta delle miniere d’America; ma è fisico e reale, indipendentemente ancora da queste cagioni. Ciò doveva accadere; poichè gli Stati erano organizzati allora in guisa, che ogni uomo capace di portare le armi, veniva costretto a marciare alla guerra avvisatone dal proprio padrone, e questi, al cenno del sovrano, compariva all’armata reggendo i suoi; terminato il bisogno,

  1. 1
  2. 2