Pagina:Storia di Milano I.djvu/83

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capo secondo 59

ac Confratis nostri devotum atque in omnibus fidelissimum permanere, atque decertare omnino et evidenter comperimus1; dal che si conosce che tutto pacificamente finì col sommo pontefice, e si conosce pure, non solamente quanto a ragione nell’epitaffio si applichi all’arcivescovo Ansperto l’oraziano propositique tenax, ma altresì la riforma che quell’arcivescovo introdusse per restituire all’antica gloria, stato e vigore la chiesa di Milano. Tale era quel grand’uomo, alla memoria di cui dobbiamo la più rispettosa gratitudine. Egli approfittò della debolezza de’ sovrani per agir da sovrano benefico e ristoratore della sua patria; rianimò il coraggio de’ Milanesi; rese sicuro il soggiorno della città col restituirvi le antiche mura; ristorò le chiese; fondò degli spedali: onde per tai mezzi invitata, cominciò parte della popolazione, che stava diradata nelle terre, a domiciliarsi nella città, che da tre secoli e mezzo era abbandonata: e da quell’epoca ricominciò Milano a prendere nuova esistenza. Questa esistenza però l’andò acquistando per gradi lenti, siccome vedremo, e non vi volle meno di due altri secoli ancora, prima che Milano giungesse a riacquistare sulla Lombardia la vera influenza d’una città capitale; perlochè la strage di Uraja lasciò la depressione per più di cinquecento anni, siccome ho già detto, sulla patria nostra. I nomi di Uraja e di Ansperto meritano d’essere più conosciuti in avvenire dai Milanesi, di quello che finora lo sono stati.


  1. Il conte Giulini, tomo I, pag. 419.