Pagina:Studi storici sul centro di Firenze 1889.djvu/78

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 72 —

XX.


Importantissimo è nei ricordi cittadini questo gruppo di fabbricati che trovasi limitato da via Calzaioli, via degli Speziali, Piazza del Mercato Vecchio, via dell’Arcivescovado e via della Nave.

Qui ebbero difatti modesta, ma remota origine i Medici che venuti dal Mugello ad esercitare a Firenze la mercatura, si stabilirono presso S. Tommaso accanto alle case di due antiche famiglie: i Sizj e gli Agolanti.1 E nel commercio ebbero propizie le sorti, in grazia della loro attività, tanto che in breve periodo di tempo seppero inalzarsi al grado delle famiglie più illustri, prima di questa località, poi di Firenze.

Acquistate ricchezze infinite, guadagnarono ben presto una popolarità invincibile e quando nelle lotte fierissime fra i grandi ed i popolani arditamente si posero a favorire il partito che voleva scuotere il giogo aristocratico, favorendolo di aiuti efficaci, essi gettarono il fondamento sicuro della loro futura grandezza. E non passò molto tempo dal giorno in cui ai concittadini imposero il loro volere e fatti arbitri della repubblica, la schiacciarono e la domarono per crearsene signori e tiranni.

Dagli Agolanti ebbero a poco alla volta tutto quel dado di bruni e forti fabbricati che sta di fianco alla chiesa di S. Tommaso, e dov’era, sul canto di via della Nave la celebre loggia che per i numerosi contratti di nozze colà fissati e festeggiati, fu chiamata Loggia del Parentado. Passarono dipoi anche dall’altro lato della via, allora dei Dadajoli e accanto ai Della Tosa ebbero palazzi, torri, case ed una piazzola col loro nome.

Di fianco a S. Tommaso acquistarono le case dei Sizj e da questi ottenuta cessione del patronato della chiesa di S. Tommaso fecero di questa quasi la loro chiesa ed in ogni modo la beneficarono e l’arrichirono2

Oggi San Tommaso che fu una delle prime parrocchie di Firenze è chiusa dopo aver servito alle radunanze di varie compagnie religiose succedutesi l’una all’altra. Delle varie opere che adornavano questa piccola, ma elegante chiesa ne esistono tuttora due assai importanti consi-