Pagina:Studi storici sul centro di Firenze 1889.djvu/90

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 82 —

Via de' Cardinali n° 4.

L’antico Albergo della Cervia appartiene oggi alla signora Caterina del fu Orazio Marchetti, vedova Branchi, in virtù di sentenza del Tribunale del 10 Aprile 1878 essendone rimasta aggiudicataria all’asta pubblica del giorno stesso. Era proprietario di questo Albergo, Bernardo di Natale Gozzini morto il 24 Febbraio 1865 — e per ciò pervenne nei figli di lui — ed esso lo aveva comprato il 30 Agosto 1861 da Francesco Consigli e dai figli di Luigi Consigli; ed in questa famiglia era passato, per metà, il 22 Luglio 1812 per atto di consenso del giorno stesso; e l’altra metà a Lorenzo del fu Giuseppe Massai. Dal nuovo campione del Catasto della Comunità di Firenze del 1776, resulta che un terzo dell’albergo predetto apparteneva a Cosimo Maria Gaetano di Domenico Antonio di Cosimo Fabbri 1 descritti al Campione dei Cittadini a parte del 1617 Gonfalone Vaio; e gli altri due terzi eran passati nel Pievano Domenico Righini come per l’Arroto 1744 n. 10. statogli voltato in esecuzione di sentenza del Magistrato de’ Pupilli del 17 Novembre 1690 in f.a n.° 879 Arroto 1691 n.° 184.

All’Arroto 1691, Quartiere S. Gio. 2.° si trova in conto dei detti Fabbri «l’albergo della Cervia con tutte le sue appartenenze posto nella città di Firenze nel popolo di S. Tommaso, al quale si dice confinare a I.° via; 2.° rede di Iacopo Pinadori; 3.° Capitolo fiorentino».

Tale albergo si trovava in conto al sopradetto Fabbri