Pagina:Sul bilancio delle consumazioni colle produzioni.djvu/7

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
242

ceppamenti ed imposizioni senza che possa dirsi essere le imposizioni ciò che forma la prosperità loro? D’uopo è provare anche che l’effetto osservato è in connessione colla causa che gli si assegnò, che ne dipende, che n’è la conseguenza. Questo è ciò che si chiede ai maestri della scienza. Ora eglino possono rispondere, che in questo caso la scienza spiega ciò che la semplice osservazione fa travedere.

Qualunque perfezionamento consiste in una diminuzione di spese di produzione per ottenere gli stessi prodotti: o quello che vuol dire esattamente lo stesso, in una aumentazione di prodotti colle medesime spese. Si analizzino le diverse produzioni e si arriverà sempre a questo risultato. Consistendo essenzialmente il prodotto nella utilità che risulta dal suo uso, l’aumentazione del prodotto sta tanto nell’aumento della sua qualità e della sua bellezza, che nell’aumento della sua quantità. Un buon pajo di calze che duri il doppio d’un pajo cattivo, o che per la sua bellezza faccia il doppio figura, è un prodotto doppio paragonato all’altro. Per semplificare, consideriamo, e possiamo farlo, tutti i progressi dell’industria, come tante diminuzioni di spesa; e questo sarà il modo il più favorevole per il sig. De Sismondi di presentare la questione.

Ora, se io trovo la maniera di far sortire più lavoro fatto dalla giornata di un’operaio, il che accade quando io perfeziono i miei istromenti, più frutti in un anno dal mio terreno, come accade quando io lo pongo tutto a coltura, più mercanzie dalle mie officine, come ne otterrò sostituendo a braccia per far movere le ruote una macchina a vapore, io avrò allora i miei prodotti con minore spesa, e la concorrenza mi obbli-