Pagina:Sulla pietosa morte di Giulia Cappelletti e Romeo Montecchi.djvu/31

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

33

NOTE


(1) Il nostro valente sig. Alessandro Torri mi fa sperare che da’ torchj di Firenze, ove egli adesso si trova, manderà presto in luce con la diligenza e buon gusto che lo ànno sempre distinto, tutti quelli componimenti e memorie intorno alla storia di Giulietta e di Romeo, ed alle famiglie loro, che da lui con sommo studio raccolte, ed a me gentilmente fatte conoscere, varranno a documentare per esteso le osservazioni contenute in questa mia Lettera. Non saranno men care al pubblico le varianti ch’egli à raccolto intorno alla lezione delle due Novelle, del Bandello e del Porto.

(2) Bello anzi è notare, come il Dalla Corte sia sempre d’accordo con Dante nell’illustrare le cose di Verona. Così in quel luogo tanto disputato:

Qual è quella ruina che nel fianco
Di qua da Trento l’Adige percosse

nell’edizione di Padova rimane dubbiosa tutt’ora la spiegazione verace. Eppure basta aprire il Dalla Corte, e nel L. X. p. 608 (ed. di Ver. 1594) si trova registrato: che nel giorno 20 Giugno 1309 gran parte del monte sopra la chiesa verso Verona ruinò senza che alcuno s’accorgesse o di tremuoto o di vento — Vedasi bisogno assoluto di leggere assai nelle Storie antiche per chi voglia intendere la Divina Commedia!