Pagina:Sulle ferrovie economiche.djvu/54

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
44


America ove, p. es. sulla vicina linea di Pensilvania, le vetture che pesano 18 tonn. non portano che 53 passeggieri.

I vagoni, infine, pesano 1800 chilogr. e ne portano 4500: danno dunque il rapporto di 1:2,5.


XVI. Ferrovie ridotte del Giappone. — Allorchè, or son meno di due anni, trattassi di costrurre le prime ferrovie nel Giappone venne studiata la questione qual fosse il più conveniente scartamento, e vista la natura ondulata e montagnosa del terreno e la poca probabilità di un traffico di primo ordine, si adottò lo scartamento Norvegese, ossia m. 1,067. Al principio del 1870 quel Governo fece un prestito di 25 milioni di lire (emissione al 98, interesse 9 per cento) redimibile in 13 anni e destinato esclusivamente alla costruzione delle ferrovie, di cui la linea principale è quella che deve unire Yeddo, la capitale, con Yokohama, Osaka ed il porto di Tsuruga, passando così per le provincie più attive, più popolate e più commerciali dell’impero.

Gli introiti delle dogane, che montano a più di 15 milioni all’anno, furono dati in pegno di questo prestito, ed esso al pari della costruzione delle ferrovie, la cui lunghezza salirà a poco meno di 500 chilom. furono concessi ad Inglesi. La stessa costruzione procede regolarmente e la prima locomotiva per quelle ferrovie, stata, naturalmente, fatta in Inghilterra, fu imbarcata al principio di quest’anno. Questa locomotiva, col suo tender adosso, è montata su 4 ruote del diametro di 1m,30 e due ruote libere anteriori situate dietro la cassa a fumo; il focolare trovasi fra i due assi accoppiati; quindi la macchina è molto stabile. Il suo peso in istato di servizio è di tonn. 18 ½; e siccome i cilindri misurano 0m,30 × 0m,45 ed in caldaia si lavora ad 8 atmosfere effettive, la forza di trazione può tutt’al più giungere a 1500 chilogr., lavorando con espansione; ora sulle ruote motrici gravitano almeno 13 tonnellate che col coefficiente di 1 dànno appunto l’aderenza necessaria.

La caldaia misura 0m,94 di diametro e 2m,70 di lunghezza: il focolare è lungo 1m,14, largo 1m,06 ed alto 1m,35; la superficie di riscaldamento totale risulta di 50 m.q.: è una superficie considerevole in ragione della forza di trazione, ma è intesa a far si che la macchina cammini ad una velocità discreta per viaggiatori. Io calcolo che questa velocità si manterrà presso a 30 chilom. l’ora, quando la macchina farà tutto lo sforzo di 1500 chilogr., di cui è capace.