Pagina:Sulle strade ferrate nello Stato pontificio.djvu/11

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
12

rebbe agl’imprenditori di essa. Che gli azionisti di una strada ferrata, non deggiono arrestarsi a calcolare il presente, ma basarsi sugli elementi che esistono atti ad influenzare in futuro; e poche sono le strade, anzi nessuna, sulle quali possa basarsi un calcolo presente e di fatto, piuttostochè prudenzialmente sperabile. Ma se la strada fra Ancona e Roma, a parere del dotto scrittore, avviverà il commercio interno ed assicurerà la comunicazione dell’Oltre l’Alpi all’Oriente lungo l’intera penisola; comunicazione che al dire dello stesso autore, equivale a quella del commercio di tutta europa coll'oriente (pag.a 350.) e per la quale nella di lui patria si prepara l’immensa opera di forare le Alpi; è evidente che tanta sarà la frequenza di passeggieri e di merci in questa strada, da non poter dubitare che sia per dare agl’imprenditori conveniente ed adequato profitto. Arroge che egli non calcolò gli effetti utilissimi della unione dei due mari, non perchè a senso del chiarissimo Sig.r Marchese Potenziani (Contemporaneo N.° 5. ) non siano per esistere; ma perchè avendo donato quel vantaggio a Livorno, disse inutile quest’altra congiunzione. Or come adunque, cangiato parere asserisce doversi riconoscere questa linea anche dai meno veggenti per una linea cattiva?

Dicasi lo stesso per rispetto alla linea da Roma a Napoli, che il dotto scrittore proclamò già convenientissima, sia che proseguasi la strada da Capua a Gaeta per le paludi Pontine, o sia che sì preferisca, come par píù espediente, la via per Ceprano più amena, più sana e più popolata; perlocchè due gran centri di popolazione, come sono le dette capitali da innumerevoli forastieri visitate, promettono all'impresa un adeguato provento, ed inoltre assicurano la più volte accennata continuazione delta linea diretta all’estremo scalo d’Italia verso l’Oriente. = (pag.a 366.} Confessiamo che la nostra poverissima mente non giunge a scuoprire le ragioni della mutata sentenza, per le quali si fa grazia a questa linea, non più di un adeguato