Pagina:Sulle strade ferrate nello Stato pontificio.djvu/12

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

13

compenso agli azionisti, ma mediocre assai nei suoi prodotti, anzi di un frutto soltanto approssimativo alla spesa. Molto meno sappiamo intendere lo perchè dica ottima la linea da capua a ceprano, quando il suo protendimento sino a Roma lo crede dubbio e mediocre: che da Ceprano a Capua non sono popolazioni cospicue, non esiste commercio, sicchè possa calcolarsi grande il movimento interno dall’uno all’altro punto: e se l’ottimo di questo tratto consiste nel movimento di coloro che procedono da Napoli; in verità che questo movimento dovrà influire sul resto, essendochè chi per questa volta da Napoli si muove, non ha per scopo e termine del suo viaggio Ceprano.

Non entreremo in dettagli per difendere le troppo calunniate strade da Roma ad Ancona, da Ceprano a Roma; essendochè ci è sembrata gravissima e bastante difesa lo addurre ciò che lo stesso Sig.r Petitti ne ragionava quando, con animo tranquillo, con mente non guidata da spirito di partito e da raccomandazioni private, ne giudicava. Diverso modo terremo per rispetto alla povera strada da Roma a Civitavecchia, poichè per questa il suo giudizio fu sempre avverso; ed ora, non senza qualche dose di bile, alla perdizione l’ha condannata.

Scrisse il Cavaliere San Fermo = Una seconda strada, la cui utilità sarebbe incontrastabile per la capitale del mondo cattolico, tenderebbe a congiungerla coll'unico porto degli Stati Pontificj esistente sul Mediterraneo, vale a dire con Civitavecchia....... L’esecuzione di questa strada non sembra difficile in forza della qualità del suolo che attraversa, ed ascenderebbe prossimamente a metri 64,000, un terzo dei quali si svilupperebbe a poca distanza del mare. Può nascere forse l’idea non irragionevole di conciliare col legame di Roma anche quello delle Provincie interne della Chiesa: legame non difficile ad ottenersi, ove si praticasse una strada, la quale da Civitavecchia passasse per Corneto, rimontasse la valle del fiume Cercone (Mignone,