Pagina:Svevo - La coscienza di Zeno, Milano 1930.djvu/293

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
290

per proclamare meglio da quel nuovo punto di vista il suo diritto.

Quando terminò e mi trovò in piena ammirazione, anch’essa per la prima volta oltre che amarmi mi volle veramente bene. Sapeva che a me quella canzonetta sarebbe piaciuta di più del canto che le insegnava il suo maestro:

— Peccato — aggiunse con tristezza, — che se non si vuole andare pei caffés chantants, non si possa trarre da ciò il necessario per vivere.

La convinsi facilmente che le cose non stavano così. V’erano a questo mondo molte grandi artiste che dicevano e non cantavano.

Essa si fece dire dei nomi. Era beata di apprendere quanto importante avrebbe potuto divenire la sua arte.

— Io so — aggiunse ingenuamente, — che questo canto è ben più difficile dell'altro per il quale basta gridare a perdifiato.

Io sorrisi e non discussi. La sua arte era anch’essa certamente difficile ed essa lo sapeva perchè era quella la sola arte che conoscesse. Quella canzonetta le era costata uno studio lunghissimo. L’aveva detta e ridetta correggendo l’intonazione di ogni parola, di ogni nota. Adesso ne studiava un’altra, ma l’avrebbe saputa soltanto di lì a qualche settimana. Prima non voleva farla sentire.

Seguirono dei momenti deliziosi in quella stanza ove fino ad allora non s’erano svolte che delle scene di brutalità. Ecco che a Carla s’apriva anche una carriera. La carriera che m’avrebbe liberato di lei. Molto simile a quella che per lei aveva sognato il Copler! Le