Pagina:Svevo - La coscienza di Zeno, Milano 1930.djvu/302

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

299


— Così pensano anche i religiosi — disse Augusta; — chissà che non sia per le colpe che ignoriamo che veniamo puniti così!

Diceva delle parole adatte ad accompagnare le sue lacrime che continuavano a scorrere. A me parve ch’essa non avesse ben compresa la differenza che correva fra il mio pensiero e quello dei religiosi, ma non volli discutere e al suono monotono del vento che s’era rinforzato, con la tranquillità che mi dava anche quel mio slancio alla confessione, m’addormentai di un lungo sonno ristoratore.

* * *

Quando venne la volta del maestro di canto, tutto fu regolato in poche ore. Io da tempo l’avevo scelto, e, per dire il vero, m’ero arrestato al suo nome, prima di tutto perchè era il maestro più a buon mercato di Trieste. Per non compromettermi, fu Carla stessa che andò a parlare con lui. Io non lo vidi mai, ma devo dire che oramai so molto di lui ed è una delle persone che più stimo a questo mondo. Dev’essere un semplicione sano ciò che è strano per un artista che viveva per la sua arte, come questo Vittorio Lali. Insomma un uomo invidiabile, perchè geniale e anche sano.

Intanto sentii subito che la voce di Carla s’ammorbidì e divenne più flessibile e più sicura. Noi avevamo avuto paura che il maestro le avesse imposto uno sforzo come aveva fatto quello scelto dal Copler. Forse egli s’adattò al desiderio di Carla, ma sta di fatto che restò sempre nel genere da lei prediletto. Solo molti mesi dopo essa s’accorse di essersene lievemente allontanata,